Itinerari degli ambienti boschivi


  • Giro medio della Sughereta (Niscemi)

 

Periodo consigliato per una visita: tutto l’anno

Lunghezza percorso: 3,8 km                                 

Tempo di percorrenza: 3 ore con guida naturalistica, 1 ora in modalità trekking

Difficoltà: semplice, con leggere salite a metà percorso.

Scarica la mappa

 

 

—-

  • Giro piccolo della Sughereta (Niscemi)

Un “mordi e fuggi” tragitto all’interno del bosco di contrada Pisciotto, in cui si inizia dal sentiero attrezzato per gli ipovedenti e si continua fino a una piccola area di sosta con delle panchine; da lì, in pochi minuti, ci si addentra nella fitta foresta mediterranea: qui sarà possibile ammirare la Quercia mosaica di circa 500 anni di età, per poi continuare la passeggiata al ritorno, seguendo le tabelle didattiche che approfondiscono curiosità e dettagli delle specie animali e vegetali che popolano la Sughereta.

Periodo consigliato per una visita: tutto l’anno

Lunghezza percorso: 1,5 km

Tempo di percorrenza: 1 ora con guida naturalistica

Difficoltà: nulla, nessun dislivello.

DSC_1131

——————-

  • Il Trekking NO MUOS

Trekking autunnale NO MUOS

 

 

  • I calanchi di Niscemi (sentiero Torotto)

Scopri un percorso dimenticato che si snoda nella vallata di contrada Torotto, lembo relitto del bosco che si affaccia sulla Piana di Gela e da cui si può ammirare il panorama della pianura e i calanchi argillosi della collina del paese di Niscemi. Tra la macchia del sottobosco, facile è osservare l’occhiocotto, lo scricciolo e la cinciallegra, mentre sopra qualche pietra, sarà sicuramente presente qualche traccia di mammifero, forse una volpe? Un riccio? Vienilo a scoprire con noi!

Periodo consigliato per una visita: tutto l’anno

Lunghezza percorso: 1,2 km

Tempo di percorrenza: 1 ora con guida naturalistica

Difficoltà: medio-facile, piccole discese con corrimano

Scarica mappa

torotto 24-02-2014 (2)

 

————————-

  • La fontana del Cacciatore (Santo Pietro – Caltagirone)

Addentrandosi in contrada Molara, ci si spinge a piedi nel fitto della vegetazione mediterranea, seguendo un ruscello che in brevi tratti dà vita a piccole cascate: un micro-habitat ideale per specie vegetali legate all’acqua quali le code di cavallo Equisetum, le epatiche, le felci e svariati muschi. Qui, lembi intatti di foresta mediterranea a Quercia da sughero Quercus suber si alternano a vetusti esemplari di Leccio Quercus ilex. Notevole è la presenza di uccelli di macchia come Occhiocotto Sylvia melanocephala e Capinera Sylvia atricapilla.

Periodo consigliato per una visita: settembre/ottobre e aprile/maggio

Lunghezza percorso: 3 km

Tempo di percorrenza: 1 ora modalità trekking, 3 ore con guida naturalistica

Difficoltà: medio-facile, leggera salita iniziale, sentiero stretto con suolo a volte scivoloso

Scarica mappa